Come il tuo ristorante può competere in un mercato affollato?

05 Feb
2020

Supponiamo che tu sia il proprietario di un ristorante in una città con clienti che amano il cibo e cenano regolarmente nei ristoranti. 

Sembra perfetto, vero? 

Ma a volte questa situazione potrebbe nascondere un grosso problema: spesso le aree con la popolazione più densa hanno anche il più alto rapporto tra ristoranti e clienti. Quando i buongustai nella tua città hanno dozzine e dozzine di scelte tra i ristoranti, diventa molto più difficile attirare le persone e di conseguenza fargli provare il tuo cibo rispetto a tutti gli altri.

Avere un buon menù o offrire un buon servizio è importante,

ma non è abbastanza. 

Se stai cercando di costruire la tua identità e ottenere un seguito di clienti fedeli nella tua città (chi non lo vorrebbe?), devi distinguerti tra la folla dei tuoi concorrenti. Mettendoti in evidenza, mostrando ai tuoi clienti non solo perché dovrebbero provare il tuo ristorante, ma anche tornare più volte. Per comprendere i punti di forza del tuo ristorante e abbracciare quei punti come parte del tuo brand, inizia ponendoti le seguenti cinque domande.

1- Qual è il tuo brand?

Se il tuo ristorante è in attività, probabilmente hai già un’identità di brand di base. Forse l’hai persino scritto in un business plan per avviare la tua attività e ottenere finanziamenti. Ma una volta aperte le porte del tuo ristorante, potrebbe essere necessario affinare il tuo posizionamento, che può essere particolarmente snervante per un sacco di proprietari di imprese. Dopotutto, quando hai dozzine di scelte disposte di fronte a te e puoi andare in tante direzioni diverse, come puoi costruire un brand che sia efficace?

Il motivo per cui il tuo ristorante sta in piedi lo devi capire fin da subito. Se il tuo staff è bravo in quello che fa e sei davvero fiducioso nell’esperienza che stai fornendo agli ospiti, ciò si tradurrà per consolidare il tuo brand.

Ma rappresentare qualcosa significa anche abbracciare ciò che ti rende unico. Se stai cercando di essere tutto per tutti, i clienti non saranno in grado di capire come sarà in realtà il tuo ristorante.

Non aver paura di essere un ristorante di nicchia. Avere il coraggio di fare un particolare tipo di cibo e farlo bene è ciò che costruisce un brand. Se sei un ristorante vegano, non nasconderlo per paura di perdere i clienti amanti dei piatti di carne. Offuscare la tua proposta non porterà più clienti; ti nasconderà dai clienti che potrebbero diventare fedeli e ritornare più volte.

2- Come semplificare il tuo menù?

Costruire un’identità autentica e specifica nella città potrebbe significare semplificare il tuo menù per ottimizzare il tuo brand. Se hai tanti tipi di prodotti nel menù principale e provengono da cucine e stili di cucina molto diversi, il tuo brand sarà molto confuso. Anche la cucina fusion (nel mettere insieme stili diversi e stili di cucina) mantiene una combinazione coerente tra le diverse voci di menù.

Un menù lungo non solo rende difficile per i clienti decidere cosa ordinare, ma rende anche difficile per i clienti capire di che ristorante si tratti. E diventa un problema quando il passaparola è una delle armi più importanti che hai per trovare nuovi clienti. Se i tuoi clienti non sono in grado di descrivere chiaramente il tuo menu ai loro amici, sarà molto più difficile per te distinguerti dalla concorrenza.

3- Qual è la specialità del tuo ristorante?

Questo va di pari passo con la comprensione del tuo brand. Devi individuare quali prodotti del tuo menù sono più speciali e quindi portare questi elementi in primo piano nel tuo brand.

Non si tratta solo di quello che fa la tua cucina – perché ovviamente stai mirando a rendere l’intero menù delizioso su tutta la linea – ma quale elemento spicca come tua specialità! 

Qual è la tua nicchia? Cosa puoi offrire di speciale, che nessun altro può fare come la tua cucina? Forse è la tua ricetta segreta di famiglia testata nel tempo. Forse la tua limonata allo zenzero è fuori dal mondo. Forse il tuo panino vegano è persino meglio di quelli di carne?

In altre parole, stai cercando un piatto d’autore.

E potrebbe volerci del tempo per trovarlo! Va bene. Ma dovresti pensarci mentre il tuo ristorante va avanti. Una volta che trovi la voce del tuo menù STELLA che continua a essere ordinata ancora e ancora (perché sarà proprio così!), dovresti tuffarti nel marketing di quel prodotto come firma. Evidenzia il favorito dell’ospite e invita le persone a visitare il tuo ristorante solo per provarlo.

4- Come può il tuo status di piccola impresa essere un punto di forza?

È facile per le piccole imprese ristorative vedersi svantaggiate, in particolare rispetto ai franchising e ai ristoranti più grandi. Ma i franchising e i grandi ristoranti hanno già parecchi problemi a cui pensare.

D’altra parte, le piccole imprese hanno il vantaggio di sembrare più autentiche fin dall’inizio. Sempre più, i consumatori vogliono rafforzare questo aspetto, sostenendo le piccole imprese.

Essere piccoli è in definitiva una caratteristica, non un difetto, del tuo ristorante. Almeno, può essere una caratteristica se si lascia che sia tale.

I migliori piccoli ristoranti sanno chi sono e sanno di cosa parlano. Questo risale alla comprensione del tuo brand. Se comprendi a pieno il tipo di ristorante che hai concepito, tu e il tuo staff potete concentrarvi su quanto sia speciale l’esperienza che fate vivere ai vostri clienti.

Le persone vogliono supportare le attività commerciali locali, ma in particolare vogliono supportare le imprese locali che aggiungono qualcosa di speciale alla loro esperienza.

5- Come puoi incoraggiare la lealtà?

Quando parliamo di fedeltà da parte dei clienti, dobbiamo discutere di programmi di fidelizzazione.

Grazie alle nuove tecnologie e strategie, i programmi di fidelizzazione dei ristoranti sono andati oltre la carta fedeltà che alla fine ti offre un pasto gratuito. Molti sistemi POS ora utilizzano le opzioni del software del programma di fidelizzazione per poter essere rintracciati digitalmente.

Crea un rapporto personale e cordiale, informandoti in modo disinteressato sulla loro vita, così da diventare un amico e non un negoziante o un professionista qualunque. Chiedigli come sta e i dettagli delle sue esigenze. Prova a pensarci: quante volte, entrando in un negozio, hai ricevuto un’accoglienza brusca o, peggio ancora, indifferente?

Sappi, infatti, che praticamente tutti i clienti intervistati in una ricerca hanno dichiarato che pagherebbero volentieri un prezzo premium a fronte di un trattamento gentile!

Fatti ricordare e rimani in contatto con loro, regalando un piccolo gadget, magari utile come una penna o un portachiavi. Prova in tutti i modi a rimanere in contatto con lui, ad esempio lasciandogli un biglietto da visita. Spesso, purtroppo, acquisire contatti e-mail e numeri di telefono è difficile; Utilizzando però il software giusto potresti garantire questo contatto continuo con un cliente, aumentando così esponenzialmente le possibilità di fidelizzarlo.

Nel prossimo articolo verranno approfondite le tecniche di fidelizzazione dei tuoi clienti.

 

Daniele Scano
author